miércoles, noviembre 14, 2007

"ELENA"EURIPIDE(EN ITALIANO)


ELENA

Euripide


ElPERSONAGGI DEL DRAMMA

ELENA
TEUCRO
CORO
MENELAO
VECCHIA
NUNZIO
TEÒNOE
TEOCLIMENO
SERVO
DIOSCURI
ELENA
ELENA
Questo è il paese del Nilo, il fiume dalle belle vergini; all'epoca del disgelo, irriga le terre, sostituendosi alle piogge. Da
vivo qui regnava Proteo, che dalla reggia nell'isola di Faro dominava su tutto l'Egitto. Si era preso per moglie una ninfa,
Psamate, che aveva lasciato Eaco; coronamento dell'incontro due figli, un maschio, Teoclimeno, e una bimba, Eidò,
orgoglio della madre fin da piccola. Una volta cresciuta, in età da marito, assume il nome di Teònoe che vuol dire mente
divina, perché padroneggiava i misteri del cielo, presenti e futuri; una dote ereditata dal nonno Nereo.
Io sono nata in un paese famoso, Sparta, e mio padre è Tindaro. Qualcuno mormora che Zeus si era rifugiato nel
grembo di mia madre Leda, assumendo l'aspetto di un cigno inseguito da un'aquila, per introdursi subdolamente nel suo
letto. Sarà, non sarà. Mi chiamo Elena. E adesso vi racconto le tribolazioni che ho passato. Un giorno, scendono in
visita da Paride, in una valle dell'Ida, tre dee: Era, Cipride, Atena, le quali volevano un arbitro che giudicasse della loro
bellezza. Trionfa Cipride, aveva incastrato Paride promettendogli le mie grazie: se grazia può definirsi qualcosa che
porta sfortuna. Paride pianta le stalle dell'Ida, corre a Sparta per godersi i miei favori. Ma Era, rabbiosa per essere stata
sconfitta, mi toglie dal mio letto e getta tra le braccia di Paride non me, ma un essere fatto a mia immagine e
somiglianza, una bambola d'aria, che si muove e respira. Il figlio di Priamo crede di possedere me, e si stringe a una
vuota apparenza. Non è finita, c'è di peggio: Zeus decide di scatenare una guerra tra i Greci e i Frigi, per risolvere il
pesante problema demografico e per coprire di gloria Achille, l'eroe fulgido fra i Greci. I Frigi si battono a difesa, i
Greci si lanciano alla riconquista non di me, ma del mio nome soltanto. Ermes mi aveva avvolta in una nuvola (Zeus
non si era scordato di me) nelle pieghe dell'etere, e mi trasporta a casa di Proteo, il più giusto dei giusti: il mio onore, e
quello di Menelao, così erano salvi. Ed eccomi qui, in Egitto, mentre il mio povero sposo, radunato un esercito, e partito
per Ilio e ne assedia le mura per riprendermi. I caduti sulle rive dello Scamandro sono migliaia; e io che ho patito quel
che ho patito, vengo maledetta, perché dicono che ho tradito il mio sposo e sono causa di un conflitto immane. Perché
vivo ancora? Perché un dio, Ermes, ha dichiarato, e l'ho sentito, che ritornerò in patria, nella mia bella Sparta, insieme a
mio marito, e sarà chiaro che a Troia non c'ero, che non mi sono stesa su un letto con un altro. Finché Proteo era vivo, il
mio onore era al sicuro: da quando è nel regno dei più, suo figlio mi insidia, mi vuole in moglie. Ecco perché, nella mia
inconcussa fedeltà a Menelao, io sto qui ai piedi della tomba di Proteo; lo supplico di difendere la mia virtù; anche se la
reputazione di cui godo in Grecia è molto dubbia, almeno il mio corpo qui non subisca oltraggio.
TEUCRO
Chi comanda questo maniero, questo fortilizio? Da questa cinta regale, da tutti questi fregi, mi sembra degno della
magione di Proteo. Oh dio, cosa mi si para dinanzi agli occhi? È la figura della donna più repellente e perniciosa che
esista, della donna che ha rovinato me e tutti gli Achei. Sei precisa a Elena, che gli dei ti rigettino. Ringrazia che mi
trovo in un paese straniero: altrimenti, un balenare di lama, e pagheresti colla vita la tua somiglianza con la figlia di
Zeus.
ELENA
Cosa ti salta in testa, mentecatto? Ma chi sei che mi volti le spalle, te la pigli con me per le malefatte di un'altra?
TEUCRO
Mi sono sbagliato, ho trasceso, non dovevo: ma la Grecia intera detesta la figlia di Zeus. Scusami, ti prego, per il mio
discorso.
ELENA
Chi sei? Come sei capitato sin qui?.Euripide Elena
3
TEUCRO
Donna, sono un superstite, tra i poveri Achei.
ELENA
Capisco allora che Elena non ti piaccia. Ma come ti chiami? Come nasci? Da dove vieni?
TEUCRO
Teucro mi chiamo, sono il figlio di Telamone, la patria che mi ha nutrito è Salamina.
ELENA
E allora cosa ci fai in suolo egizio?
TEUCRO
Gli amici mi hanno scacciato dalla patria.
ELENA
È triste il tuo caso; chi ti ha mandato in esilio?
TEUCRO
L'amico più sicuro, no? Mio padre.
ELENA
Ma perché? Dietro ci sarà stato qualcosa di grave.
TEUCRO
Aiace è morto a Troia: cominciano di lì le mie disgrazie.
ELENA
Capisco, lo hai ammazzato tu, con un fendente.
TEUCRO
No, no, si è buttato lui sulla spada.
ELENA
Era diventato pazzo: uno sano nemmeno ci pensava.
TEUCRO
Di Achille, figlio di Peleo, hai mai sentito parlare?
ELENA
Come no? M'han detto che era uno degli aspiranti alla mano di Elena.
TEUCRO
Ha seminato zizzania da morto tra gli Achei, per colpa delle sue armi.
ELENA
Scusa, ma cosa c'era di tragico per Aiace?
TEUCRO
Le hanno date a un altro, le armi, e lui si è suicidato.
ELENA
E ne paghi le conseguenze tu?
TEUCRO
Avrei dovuto immolarmi con lui.
ELENA
Allora c'eri anche tu all'assedio della famosa Ilio?
TEUCRO.Euripide Elena
4
Sì, ho contribuito alla sua, e alla mia, distruzione.
ELENA
Le hanno già appiccato fuoco, l'hanno rasa al suolo?
TEUCRO
Delle sue mura non resta neppure l'ombra.
ELENA
Povera Elena: per causa tua che sterminio di Frigi.
TEUCRO
E di Achei no? Quanti lutti ha seminato!
ELENA
La città, è molto che è stata distrutta?
TEUCRO
Da sette anni, presso a poco.
ELENA
E l'assedio durò a lungo?
TEUCRO
Lune su lune, per un totale di dieci anni.
ELENA
La Spartana, l'avete catturata?
TEUCRO
Menelao se l'è trascinata via per i capelli.
ELENA
L'hai visto tu di persona? O te l'hanno raccontato?
TEUCRO
Con questi occhi, proprio come vedo te.
ELENA
Bada, potrebbe essersi trattato di un miraggio, di uno scherzo degli dei.
TEUCRO
Basta così, passiamo ad altro.
ELENA
Tu consideri certo ciò che hai creduto di vedere.
TEUCRO
Con queste pupille l'ho vista, l'immagine mi si è fissata nel cervello.
ELENA
Adesso, quindi, Menelao è a casa sua con Elena.
TEUCRO
Ad Argo veramente non c'è, e neanche sulle rive dell'Eurota.
ELENA
Ahi, ahi. Che disgrazia per le persone di cui stai parlando.
TEUCRO
È sparito lui, è sparita la moglie, si sussurra..Euripide Elena
5
ELENA
Non navigavano tutti assieme, i Greci?
TEUCRO
All'inizio sì, poi una tempesta li ha dispersi, un po' qui, un po' là.
ELENA
Ma quando? Da che parte del mare?
TEUCRO
A metà viaggio, in pieno Egeo.
ELENA
Dopodiché, di Menelao si son perse le tracce.
TEUCRO
Sì, e in Grecia corre voce che sia morto.
ELENA
Che colpo, per me: dove sei, Leda ?
TEUCRO
Hai nominato Leda? È scomparsa, è morta.
ELENA
L'ha uccisa la vergogna di Elena?
TEUCRO
Così dicono. Si è stretta un cappio i ntorno al collo delicato.
ELENA
Ma i figli di Tindaro, sono vivi o no?
TEUCRO
Forse sono morti e forse no: la notizia non è sicura.
ELENA
Ma che ipotesi prevale? Sono affranta, sconvolta.
TEUCRO
Pare che siano divenuti due stelle, nel firmamento.
ELENA
Splendido, magnifico: e l'altra voce?
TEUCRO
Si sono tagliati la gola per via della sorella. Basta con queste storie: non desidero rinfocolare la mia ambascia. Io sono
qui, dinanzi a questo palagio, per un motivo. Voglio consultare Teònoe, la profetessa: aiutami tu a ottenere il responso,
che io sappia come dirigere le ali della mia nave, con vento favorevole, verso Cipro battuta dal mare: là Apollo mi ha
ingiunto di fermarmi, là di trasferire il nome della mia isola, Salamina.
ELENA
È meglio che sia la nave, o straniero, a farti da oracolo: lasciala, questa terra, fuggi prima che ti veda il figlio di Proteo,
che ne è il sovrano. Ora è via, con i cani, a far strage di belve: ma ogni greco che gli capita a tiro, lo ammazza. Come
mai? Non cercare di saperlo, io non te lo dico perché non ti servirebbe a niente.
TEUCRO
Grazie, donna gentile: che il cielo ti rimeriti per le tue cortesie. Tu assomigli ad Elena nell'aspetto, ma nel sentimento,
no: c'è un abisso. Che crepi, lei, che non riveda mai più le rive del suo fiume: quanto a te, signora, ti auguro le cose più
belle.
ELENA.Euripide Elena
6
La mia disperazione è orribile, da dove comincio a piangere, quale sfogo è adeguato? Devo intonare una lamentazione,
con gemiti, singhiozzi, sospiri?
str.
Io voglio dolore per dolore, sconforto per sconforto: flauti, Zampogne, parallelo al mio pianto venga il concerto delle
Sirene, delle alate vergini, figlie della terra. Voglio che mi accompagnino funebri cori dall'inferno: e lo darò in cambio a
Persefone un inno gonfio di lacrime, che scenda per i morti fino ai palazzi della sua notte.
CORO
ant
L'acqua era azzurra, sui riccioli d'erba stendevo al raggi d'oro del sole, e sui germogli di canna, per asciugarle, le vesti
rosse di porpora. Ho sentito lo strazio di disarmoniche strida: era la Spartana, urlava stravolta, come una Ninfa, come
una Naiade in fuga tra i monti, per gli anfratti pietrosi, che riempie l'aria di grida per gli abbracci violenti di Pari.
ELENA
str.
Preda di barbari ladroni, figlie della Grecia, un marinaio greco è venuto sin qui, ad aprirmi piaghe. Ilio crolla divorata
dal fuoco; l'ho appiccato io, quel fuoco, il mio nome significa rovina. Leda si è impiccata, si è data la morte, non ha
retto all'angoscia della mia vergogna. Il mare da lui percorso in lungo e in largo ha chiuso in una bara d'acque mio
marito. Sparito è Castore, sparito l'altro mio fratello, vanto della patria: non li vedono più né le pianure che risuonavano
al galoppo dei loro cavalli, né lo scenario dei giovani, le palestre al bordi dell'Eurota, ricco di giunchi.
CORO
ant.
Sorte amara, destino misero è il tuo. Ti è toccata una vita che non è vita, quando ti ha procreato Zeus, scendendo lieve e
niveo nel suo aspetto di cigno, da tua madre. C'è pena, o esperienza che ti sia stata risparmiata? Tua madre è perita, non
conoscono sorte migliore i tuoi fratelli: secoli ti separano dalla tua terra e per le città serpeggia la voce che ti fa
concubina di un barbaro; tuo marito è annegato tra i marosi, non avrai la gioia di rivedere la casa paterna, i sacri templi.
ELENA
Chi, greco o frigio, ha abbattuto l'albero che fu il preludio della tempesta su Troia? Paride ne ha fatto uno scafo di morte
per la sua nave e si è diretto verso il mio focolare, verso la mia bellezza fatale; voleva il mio amore. Cipride lo
accompagnava, perfida e micidiale, con un funebre dono di nozze per i Danaidi. Ma la donna che fra le sue braccia tiene
Zeus aveva fulminea la risposta: Ermes, figlio di Maia. Io stavo raccogliendo petali di rose, nelle pieghe del peplo, per
offrirli ad Atena: mi trascinò via, d'un tratto, Ermes, confinandomi in questa landa desolata; e divenni il pegno della
grande contesa tra i Greci e Priamo. Il mio nome, presso le correnti del Simoenta, suona a vuoto.
CORO
So quello che provi: ma conviene sopportare come meglio si può le traversie dell'esistenza.
ELENA
Donne care, capitano tutte a me. Appena nata ero già un miracolo per la gente: perché tutti gli altri, Greci o barbari,
vengono alla luce al modo solito: io no, io nacqui in un uovo bianco, concepita da Leda grazie a Zeus. La mia vita, la
mia storia hanno del prodigio, a causa di Era, a causa della mia bellezza. Come vorrei essere deforme, un ritratto che si
cancella e si rifà in peggio! Greci si scorderebbero della nomea di cui godo, conserverebbero di me un'idea pura, non
questa che mi offende. Certo è grave se il cielo ti affligge con una disgrazia, e però si arriva a sopportarla: ma noi siamo
immersi in un oceano di disgrazie. Io, un modello di virtù, sono disonorata: e non c'è nulla di peggio che venir accusati
di colpe inesistenti. Poi, gli dei mi hanno sradicato da casa, trapiantato in mezzo ai selvaggi; non ho un amico, io, libera,
sono divenuta schiava: sono tutti schiavi qui, fuorché uno. Mi restava una sola speranza, come un'ancora di salvezza:
mio marito; sognavo che sarebbe venuto a liberarmi, e adesso è morto, scomparso. Mia madre è perita, la sua morte
ricade su di me, sono io l'autrice del delitto. La luce della casa, mia figlia, ingrigita languirà zitella: i miei due fratelli, i
famosi Dioscuri, li ho perduti anche loro. Sì, vivo, almeno sembra, ma in realtà sono finita, con tutto questo patire. La
beffa suprema: se torno in patria, mi arrestano; come fa a ritornare da Troia senza il marito, Elena? Ci fosse Menelao, i
segreti gelosi che ci legano gli rivelerebbero chi sono: ancora una speranza caduta, destinata a non risorgere. Cosa
campo a fare? Ho in vista una strada? Un nuovo matrimonio come rifugio dalle avversità, una brillante sistemazione
alla ricca mensa di un barbaro? Ma se fisicamente un marito ti è antipatico, finisci per odiare anche il tuo corpo. L'unico
rimedio è andarsene: ma in maniera elegante. Impiccarsi? No, non c'è stile; ripugna anche agli schiavi: un colpo di
pugnale ha qualcosa di nobile, di esaltante; è un modo rapido di chiudere la partita. In che baratro sono caduta: per le
altre donne la bellezza è felicità, per me rovina irreparabile.
CORO
Elena, chiunque sia l'individuo sbarcato qui, non prendere per oro colato le sue parole..Euripide Elena
7
ELENA
Ma sulla morte di mio marito è stato esplicito.
CORO
La menzogna non sempre ha contorni oscuri.
ELENA
Ma verità e chiarezza si accompagnano.
CORO
Tu credi più al male che al bene.
ELENA
La paura mi irretisce, mi paralizza.
CORO
Non puoi contare su nessuno a palazzo?
ELENA
Su tutti meno uno: il mio tenace pretendente.
CORO
Secondo me, dovresti... Comincia a venir via di lì...
ELENA
Che storia è, che consiglio mi dai?
CORO
Rientra a palazzo, interroga Teònoe, la figlia della Nereide, della ninfa marina; lei sa tutto sulla sorte di tuo marito: se
vive, se ha chiuso gli occhi; dopo potrai abbandonarti alla gioia o allo sconforto. Ma prima di scoprire la verità, cosa ci
guadagni a tormentarti? Dammi retta, muoviti di lì, vai a parlare con la vergine sacra, fatti ragguagliare con precisione
su tutto: hai la bocca della verità nella reggia, cosa cerchi qui fuori? Anzi, voglio venire con te, sentire anch'io il
responso dell'oracolo; noi donne dobbiamo aiutarci fra noi.
ELENA
Avete ragione, venite dentro, entrate, per rendervi conto delle prove che mi sono riservate.
CORO
Accetto subito l'invito.
ELENA
Che giornata spaventosa. Una sciagurata come me che altro ancora deve aspettarsi?
CORO
Non fasciarti la testa prima che sia rotta.
ELENA
Cos'è successo a mio marito? È vivo? I suoi occhi scorgono il carro del Sole, il corso delle stelle, o condivide la sorte
degli altri, sottoterra?
CORO
Non pensare il futuro più brutto di quello che è.
ELENA
L'ho giurato, su di te, sulle tue acque verdi di giunchi, Eurota, invocandoti: se è vero che mio marito è morto...
CORO
Che idea insensata...
ELENA.Euripide Elena
8
Mi impicco, con un laccio al collo. No, meglio un colpo di spada, il sangue che sgorga dalla gola, affonderò la lama
sino in fondo: è l'omaggio dovuto alle tre dee, a Paride e alla zampogna che suo nava con tanta grazia là, vicino alle sue
stalle.
CORO
Che ricada su altre teste il malaugurio, non sulla tua.
ELENA
Sventura su Troia che precipita nel nulla per un fatto non accaduto, e ha sofferto il soffribile. I miei doni d'amore
comportano sangue, lacrime: Cipride si è presa in cambio lutto per lutto, pianto per pianto, angoscia. Le madri hanno
perso i loro figli, le sorelle hanno gettato nei flutti dello Scamandro riccioli e ciocche per i fratelli assassinati. Grida,
grida la Grecia il suo tormento, si percuote la testa, con le unghie si lacera e devasta le tenere guance. Beata te, Callisto,
vergine dell'Arcadia, in sembianze di bestia sei entrata nel letto di Zeus, meglio tu che mia madre, perché ti sei mutata
in fiera irsuta e hai l'occhio lampeggiante della leonessa; ma così sei sfuggita al morso del dolore. E sei stata fortunata
anche tu, Titanide, figlia di Merope; ti hanno punita per la tua bellezza, Artemide ti ha cacciato dal suo corteggio e ti ha
mutato in cerva; ma io, il mio corpo, questa mia carne ha seppellito le rocche di Pergamo, ha seminato tra i Greci la
morte.
MENELAO
Hai disputato la gara con la quadriga a Pisa, Pelope, hai vinto Enomao: ma era meglio se sparivi giovane dalla terra,
prima di conoscere i favori del cielo, prima di mettere al mondo mio padre Atreo, che poi, con Erope, ha messo al
mondo questa nobile coppia, Agamennone e Menelao. Non lo dico per vantarmi, ma un esercito come il nostro, contro
Troia, nessuno era mai riuscito a imbarcarlo: ci sarebbe voluto il terrorismo di un despota. A me, invece, i giovani mi
seguivano spontaneamente. E i morti, si possono contare, e così i combattenti felicemente scampati alle tempeste,
rientrati a casa dopo che furono dati per dispersi. Io no, io continuo a essere sballottato qua e là sul mare, da quando ho
distrutto Ilio, e non mi riesce di sbarcare a casa mia; gli dei non sono d'accordo. Conosco tutti gli approdi, gli approdi?
gli anfratti inospitali della Libia: e appena drizzo le vele verso Sparta, un vento dannato mi si scaglia contro, non c'è mai
una brezza favorevole che mi permetta di arrivare in patria. Adesso, addirittura, ho fatto naufragio, ho perso quasi tutto
l'equipaggio, la mia nave, sbattuta su questi scogli, si è infranta in tanti pezzi. È rimasta però intatta la carena, grazie a
lei e alla sorte mi sono salvato assieme ad Elena; sì lei è di nuovo mia, l'ho ristrappata ai Troiani. Come si chiamino
questo paese e i suoi abitanti lo ignoro: mi vergogno di rivolgermi alla gente e voglio evitare domande sul perché
indosso degli stracci. Un nobile quando si trova nei guai, si sente molto più a disagio di uno che ci è abituato. Però c'è il
pungolo del bisogno: non ho nulla da mangiare, non ho vestiti; non sono certo dei vestiti gli stracci miserabili che porto.
I miei abiti fastosi, i miei ornamenti raffinati se li sono inghiottiti le onde. La causa prima di tutte le mie miserie, mia
moglie, l'ho nascosta in una caverna, e i compagni che mi sono rimasti hanno l'ordine di tenerla d'occhio, perché il mio
onore sia salvo. Eccomi qui, solo, in cerca di qualcosa per gli amici. Ho intravisto questo palazzo solido, col suo bel
portone signorile, e mi sono diretto qui; in una magione ricca avranno pur qualcosa per dei naufraghi: da poveracci cosa
ti puoi aspettare, con tutta la loro buona volontà? Ehi, portinaio, ehi di casa, non c'è nessuno che trasmetta ai padroni
notizie di me e dei miei guai?
VECCHIA
Chi è la fuori? Vattene, non startene impalato davanti alla porta a dar noia ai signori. Vuoi scavarti la fossa da solo? Sei
un greco, e noi per i Greci non abbiamo troppo rispetto.
MENELAO
Vecchia, puoi dirlo anche in un altro modo! D'accordo, ti darò retta, ma calmati, rilassati.
VECCHIA
Vattene: il mio compito è proprio questo, straniero: impedire l'accesso al palazzo a ogni greco.
MENELAO
Ferma, giù le mani, non spingere.
VECCHIA
Colpa tua, non mi badi quando parlo.
MENELAO
Riferisci ai tuoi padroni...
VECCHIA
Caro mi costerebbe riferire al padroni..Euripide Elena
9
MENELAO
Sono un naufrago, ho diritto d'asilo.
VECCHIA
E meglio che ti cerchi un altro asilo.
MENELAO
No, io mi infilo nel palazzo e tu mi stai a sentire.
VECCHIA
Sel un bel noioso; ti butteranno fuori.
MENELAO
Ah, dove sono le mie truppe gloriose?
VECCHIA
Sarai stato un grande capo da qualche parte, qui non sei nulla.
MENELAO
Dio mio, cosa mi tocca sentirei!
VECCHIA
I tuoi occhi si riempiono di lacrime? Piangi? Perché?
MENELAO
Penso al mio prestigio di una volta.
VECCHIA
E allora va' a piangere dai tuoi.
MENELAO
Ma che razza di paese è questo? Chi è il re?
VECCHIA
Proteo, e sei in Egitto.
MENELAO
Egitto? O santi numi, dove sono finito.
VECCHIA
Hai da obbiettare qualcosa sul Nilo d'argento?
MENELAO
Sul Nilo? No: deploro semplicemente la mia catastrofe.
VECCHIA
Sono tanti a star male, e non tu solo.
MENELAO
Quel tale, come si chiama, è nella reggia?
VECCHIA
Veramente è nella tomba; chi governa adesso è suo figlio.
MENELAO
Dove posso trovarlo? Dentro o fuori?
VECCHIA
Fuori, ma attento: non può soffrire i Greci.
MENELAO
Perché li odia? E cosa c'entro io?.Euripide Elena
10
VECCHIA
Perché qui c'è Elena, la figlia di Zeus.
MENELAO
Cos'hai detto? Tu stai vaneggiando. Ripeti un po'.
VECCHIA
La figlia di Tindaro è qui: una volta stava a Sparta.
MENELAO
E da dove è arrivata? Che razza di assurdità.
VECCHIA
Da dove è arrivata? Da Sparta.
MENELAO
Quando? Non avran mica rapito mia moglie dalla grotta?
VECCHIA
Prima della guerra dei Greci contro Troia. Ma gira al largo: c'è una situazione, nel palazzo, che ha portato scompiglio.
Sei capitato a sproposito: se ti sorprende il padrone, ti riserva un'accoglienza molto ospitale: la morte. Io ho simpatia per
i Greci, anche se i miei discorsi ti saran suonati odiosi: ma ho paura del padrone.
MENELAO
Sono rimasto senza fiato, non so cosa dire. I miei guai adesso stanno peggio di prima: ho ripreso mia moglie, arrivo con
lei da Troia, la nascondo in una caverna, e qui nella reggia abita una donna che si chiama come mia moglie: e sarebbe
anche lei, dice la vecchia, figlia di Zeus. Che ci sia, sulle rive del Nilo, un uomo col nome di Zeus? Perché in cielo, di
Zeus, ne esiste uno solo. E Sparta? L'unica Sparta sulla terra si trova sulle rive dell'Eurota dai bei canneti. E Tindaro?
C'è uno solo che si chiami Tindaro. Forse ci sono degli omonimi, due Sparte, due Troie, non mi ci raccapezzo più. A
quanto pare, il mondo è grande, i nomi delle donne e delle città si ripetono: non c'è da stupirsi. Non mi lascerò
intimorire dagli spauracchi agitati da una serva: non esiste un individuo così selvaggio da rifiutarmi un pasto, se gli
rivelo la mia identità. Io, Menelao, l'eroe che ha dato Troia alle fiamme: l'universo conosce chi sono. Aspetterò il
padron di casa; so bene come regolarmi: se è un tipo duro di cuore, me ne torno di soppiatto ai relitti della nave, se si
rivela comprensivo, gli chiederò l'assistenza che esige la mia attuale condizione. A che punto si riduce un poveruomo;
essere re, e dover elemosinare da un altro re di che vivere: e purtroppo non c'è scelta. C'è un proverbio, molto saggio, e
non l'ho inventato io: di necessità bisogna far virtù.
CORO
La vergine ispirata ha parlato, è apparsa nella reggia, ha reso noto che Menelao ancora non si aggira, ombra grigia,
nell'al di là, che la terra non copre le sue spoglie: sfinito solca i flutti del mare, non riesce a raggiungere la sua città, il
porto; povero e ramingo, privo di mezzi e di amici, da quando ha lasciato Troia, tocca le terre più strane.
ELENA
Eccomi di nuovo qui, accanto alla tomba. Teònoe ha parlato, lei che sa tutto, e ha detto chiaro e forte che mio marito è
vivo, che vede la luce del sole; peregrina per miglia e miglia in mare, naviga per dritto e per traverso in balia delle onde:
ma cessate le sue peripezie un bel giorno piomberà in Egitto. Non mi ha precisato, però, se ne esce con le ossa rotte. Mi
sono trattenuta dal chiederlo: ero troppo contenta di saperlo vivo, Menelao. Sostiene che non è tanto lontano: è stato
gettato a riva, naufrago, con un pugno dei suoi. Ma perché non arrivi, Menelao? Quanto lo desidero! E quell'uomo chi
è? Non sarà un'imboscata del figlio di Proteo, quel miscredente? Presto, subito alla tomba, come una Baccante
impazzita, come una cavalla scatenata. Che faccia losca ha quell'individuo, certo vuol mettere le mani su di me.
MENELAO
Ehi, fermati, invece di saltabeccare sulla tomba, la sua base, gli altari. Perché scappi? Appena ti ho visto sono rimasto
pietrificato, ho perso la favella.
ELENA
Mi violentano, aiuto, donne: vuole strapparmi dalla tomba, rapirmi per consegnarmi al tiranno di cui rifiuto le nozze.
MENELAO
Non sono un ladro, io non sono razza di furfanti..Euripide Elena
11
ELENA
Ma sei coperto di stracci.
MENELAO
Fermati, sta' calma, non correre.
ELENA
Mi fermo, adesso che sono al sicuro.
MENELAO
Chi sei? Chi scorgono le mie pupille?
ELENA
Sono io che ti chiedo chi sei.
MENELAO
Non ho mai visto una tanto uguale...
ELENA
O dio, perché certo è un dio a far ritrovare chi si ama.
MENELAO
Ma sei greca o che cosa?
ELENA
Greca. Ma è di te che voglio sapere.
MENELAO
Tu ed Elena siete due gocce d'acqua.
ELENA
Anche tu e Menelao: sono senza fiato.
MENELAO
Hai riconosciuto in me l'uomo più sfortunato del mondo.
ELENA
Sei tornato, tornato tra le braccia della tua diletta sposa.
MENELAO
Di che sposa parli? Non mi toccare, sai.
ELENA
Di che sposa? Della figlia di Tindaro, l'uomo che mi ha consegnato a te.
MENELAO
Vergine santa, mandami degli spettri più benevoli.
ELENA
Io non sono un fantasma d'oltretomba.
MENELAO
Non sono il marito di due mogli, io.
ELENA
Come, come? Saresti bigamo? Dov'è l'altra?
MENELAO
In una grotta, nascosta, e mi vien dietro dalla Frigia.
ELENA
Bada, tua moglie sono io e nessun'altra..Euripide Elena
12
MENELAO
Sano di mente, mi credevo! No, soffro di allucinazioni.
ELENA
Sono io, sono qui. Non vedi che hai davanti tua moglie?
MENELAO
Sì, di fisico le assomigli, ma c'è qualcosa che non va.
ELENA
Guardami, dunque. Ma che altro vuoi? Chi mi conosce meglio di te?
MENELAO
Le assomigli, sì, non lo nego...
ELENA
Vuoi prestar fede, o no, ai tuoi occhi?
MENELAO
Il fatto è che io ho un'altra moglie.
ELENA
A Troia, non ci sono mai venuta io, ma una mia parvenza.
MENELAO
E chi le produce le parvenze che si incarnano?
ELENA
L'aria. Gli dei, coll'aria, ti hanno fabbricato una compagna di letto.
MENELAO
Quale degli dei? Stai dicendo delle cose assurde.
ELENA
Era creò un simulacro, perché Paride non avesse me.
MENELAO
Dunque tu ti trovavi, nello stesso tempo, qui e a Troia?
ELENA
L'ubiquità caratterizza i nomi, non i corpi.
MENELAO
Smettila, ho già troppi fastidi.
ELENA
Così mi pianti, e ti porti dietro una finzione?
MENELAO
Amica, stammi bene, visto che assomigli ad Elena.
ELENA
Sono rovinata: ho ritrovato mio marito e lo perdo subito.
MENELAO
Per convincermi contano i guai che ho passato, non le tue chiacchiere.
ELENA
Che disastro. Nessuno è più disgraziato di me. L'essere più caro mi abbandona, i Greci non li rivedrò mai più, mai più
rivedrò la mia terra..Euripide Elena
13
NUNZIO
Menelao, finalmente ti trovo: è un pezzo che ti cerco su e giù per questi luoghi barbari: mi mandano da te i compagni
rimasti.
MENELAO
Cos'è successo? Un attacco degli indigeni?
NUNZIO
Un miracolo; no, questa parola non dice abbastanza.
MENELAO
La tua enfasi tradisce strane novità.
NUNZIO
Tutto quello che abbiamo patito, l'abbiamo patito per nulla.
MENELAO
Acqua passata: vieni al sodo.
NUNZIO
Tua moglie è sparita, è scomparsa lassù, nelle pieghe dell'aria, si è dissolta in cielo. Mentre lasciava la benedetta
caverna in cui la tenevamo, ha detto: «Poveri Frigi, poveri Greci; vi siete scannati sulle rive dello Scamandro per una
beffa della sposa di Zeus: credevate che Elena fosse di Paride e non c'era niente di vero. Il mio tempo si è compiuto,
sono rimasta con voi quanto dovevo, ora risalgo presso il mio padre celeste: e la sfortunata figlia di Tindaro è coperta di
infamia senza colpa.» Salve, figlia di Leda; ma tu eri qui? E io che venivo ad annunziare la tua ascesa fra le stelle! Però,
se sei già qui devi avere le ali. Ma bada, non ti permetterò di giocarmi una seconda volta: troppo male hai già fatto sotto
Ilio, a tuo marito e ai suoi compagni.
MENELAO
Ma allora corrisponde! Dunque, erano veri i discorsi di questa donna. O giorno tanto sospirato che mi concede di
serrarti di nuovo sul mio petto.
ELENA
Menelao, amore, finalmente, dopo un tempo interminabile, eccomi felice. È mio marito, amiche, e io con gioia gli
protendo le braccia, lo stringo, dopo che tante volte il sole ha acceso la sua fiaccola sul mondo.
MENELAO
Anch'io protendo a te le braccia: e ho tante cose da dire che non so da dove cominciare.
ELENA
Fremo di letizia, i capelli mi si rizzano sul capo, le lacrime mi bagnano, mentre stringo il tuo corpo, per goderti, mio
carissimo sposo.
MENELAO
Visione adorata, di cosa posso mai lamentarmi? È mia la figlia di Zeus e di Leda: felice ti salutarono un giorno al
fiammeggiare delle torce i tuoi fratelli, sui loro bianchi corsieri. Se un dio ti ha separato da me, fu per sospingerti verso
un destino più alto.
ELENA
Una fortunata disavventura ci riunisce, mio sposo, purtroppo dopo tanto tempo, ma benedico questa disavventura.
CORO
Giusto, mi unisco anch'io: contento uno, contenti tutti.
ELENA
Amiche, quello che è stato è stato, non me ne rammarico più. Ho recuperato mio marito, e da quanto, da quanto
aspettavo che tornasse dalla guerra.
MENELAO
Tu hai me, io ho te: dopo tanto levarsi e tramontare di stelle, ho capito finalmente l'inganno della dea. Piango di gioia;
sì, è la gioia, non la pena, che mi sopraffà..Euripide Elena
14
ELENA
Non trovo le parole. Ma chi se lo sarebbe mai immaginato? Ti stringo fra le braccia io, mentre avevo perduto ogni
speranza.
MENELAO
Anch'io, era tutta un'invenzione che tu fossi andata a Ilio, che fossi fra le sue mura... Ma, per gli dei, come hanno fatto a
portarti via di casa?
ELENA
Perché rivangare malinconie?
MENELAO
Parla: i benefici del cielo bisogna pure ascoltarli.
ELENA
Mi angoscia entrare in argomento.
MENELAO
Parla lo stesso: è bello ricordare quanto si è penato.
ELENA
Non volgeva la nave a letti giovani di un selvaggio, l'amore non trasvolava a un adultero amplesso...
MENELAO
Che forza superiore o che rio destino ti ha strappato alla tua terra?
ELENA
Marito mio, fu il celeste figlio di Zeus e di Maia, fu Ermes a trasportarmi sul Nilo.
MENELAO
Fantastico. E chi lo mandava? Che storia incredibile!
ELENA
Quanto ho pianto, quanto piango: la colpa è tutta della moglie di Zeus.
MENELAO
Di Era? Ma noi, cosa c'entravamo?
ELENA
Le mie disgrazie sono cominciate con quel bagno fatale, con quei corpi divini esposti al sole, tre dee rivali in bellezza.
MENELAO
E come mai Era si è vendicata su di te per il verdetto sfavorevole?
ELENA
Per farsi gioco di Paride.
MENELAO
Spiegati meglio.
ELENA
Cipride mi aveva promessa a Paride.
MENELAO
Povera sposa mia!
ELENA
Povera, sì: così mi ha scaraventato in Egitto.
MENELAO
E ha destinato a Paride un fantasma, a sentir te..Euripide Elena
15
ELENA
Le disgrazie di mia madre, a casa, le disgrazie: come sono sfortunata!
MENELAO
Cosa dici?
ELENA
È morta Leda, si è impiccata per non sopravvivere al disonore.
MENELAO
Oh no! Ma nostra figlia Ermione è ancora viva?
ELENA
Sì, ma senza marito, senza figli; e con tutto il dolore e la vergogna del mio adulterio che non è ad ulterio.
MENELAO
Maledetto Paride, tu hai distrutto il mio focolare da cima a fondo, ma la rovina ha travolto anche te, insieme alle
migliaia di Greci dalle armi di bronzo.
ELENA
Mi ha gettato il malocchio una dea, mi ha reso infelice, mi ha tolto la mia patria, la mia città, il mio sposo,
costringendomi a lasciare casa e letto. Ma non li ho lasciati per un vergognoso connubio.
CORO
Se d'ora in poi le cose vanno per il verso giusto, il futuro sarà un compenso del passato.
NUNZIO
Menelao, vorrei unirmi anch'io al vostro gaudio, ma ci capisco poco o nulla.
MENELAO
Ma allora non hai ascoltato!
NUNZIO
La posta della lotta intorno a Ilio, non era questa donna?
MENELAO
No, non era lei; ci hanno imbrogliato lassù; e noi, tra le nostre mani, abbiamo stretto un'ombra.
NUNZIO
Perdona, avremmo sofferto tanto per un'ombra?
MENELAO
Un capolavoro di Era, diretta conseguenza della sua lite con le colleghe.
NUNZIO
E questa qui è realmente tua moglie?
MENELAO
È lei, ti do la mia parola.
NUNZIO
Figlia mia, com'è intricato e impenetrabile il dio. Ci sbalestra e ci frulla come gli pare: ci riempie di guai, o non ci
riempie di guai, ma poi uno crepa malamente, e nessuno è sicuro del domani! Le avete passate le vostre traversie, tu e
tuo marito, lui sui campi di battaglia, tu in un groviglio di calunnie. Con tutti i suoi sforzi, cos'ha ottenuto Menelao?
Nulla: e poi tutto è andato a posto da solo, nel modo migliore. Tu non hai gettato fango su tuo padre e sui tuoi fratelli:
sei innocente tu delle accuse che ti facevano. Rinnoviamola, dunque, la festa delle tue nozze! Io correvo, me lo ricordo,
con la fiaccola accanto alla tua carrozza, un tiro a quattro, mentre tu, vergine, lasciavi la tua casa felice, al fianco di
Menelao. Uno schiavo deve regolarsi sulla sorte dei padroni, rallegrarsi con loro, piangere con loro. Io sono nato servo,
ma vorrei essere contato tra i servi di un certo livello, schiavi nel corpo, liberi nella mente. Almeno questo: altrimenti
cosa resta? Il danno e le beffe: si nutrono sentimenti bassi e si deve obbedire a Tizio e a Caio, perché questo vuole la tua
condizione sociale..Euripide Elena
16
MENELAO
Vecchio, pensa a tutte le fatiche che hai sofferto, in armi al mio fianco e al mio servizio: e ora goditi la mia felicità, ma
corri a informare i compagni di come hai trovato le cose e come vanno. Restino sulla spiaggia, in allarme di fronte al
possibili pericoli: cerchiamo di portar via a questa gente Elena, e visto che si è tutti nella stessa barca, di non cadere
nelle mani dei barbari, se ci riusciamo.
NUNZIO
Sono pronto, signore. Lo so, adesso, cosa valgono le cose che dicono i profeti: menzogne. Non si ricava niente di sicuro
scrutando il gioco delle fiamme o il volo degli uccelli: vederci un indizio, un messaggio è roba da idioti. Calcante,
l'indovino greco, non ha speso una parola per mettere in guardia i soldati che morivano per un fantasma, e neanche
Eleno, l'indovino troiano: zitto anche lui. Troia è stata distrutta per niente. Diciamo che un dio ha deciso così. Ma a cosa
servono, allora, gli indovini? È meglio rivolgersi agli dei, blandirli con sacrifici e chiedere loro pace e bene: e
lasciamoli perdere gli oracoli. È solo un'esca a danno degli uomini; chi non si dà da fare, poco lo aiutano i presagi:
cervello e senso pratico, sono questi i maghi del futuro.
CORO
La penso come il vecchio: avere gli dei come alleati, questo sì è certezza del domani.
ELENA
Va bene: fin qui le cose sono andate lisce. Sapere come ti sei salvato dopo Troia, povero caro, non è che serva a molto,
ma è bello, è bello sapere cosa ha passato il mio amore.
MENELAO
Troppo esigi sui due piedi! Ne avrei tante da raccontare: naufràgi nell'Egeo, i fuochi di Nauplio, Creta, Libia, città, città,
città, il promontorio di Perseo; e non ti direi mai abbastanza. Parlare è ripatire quello che ho patito, ricominciare da
capo.
ELENA
La tua risposta è più saggia della mia domanda. Un solo particolare: per quanti anni sei andato alla deriva in balia delle
onde?
MENELAO
Fa' tu il conto: dopo i dieci anni di Troia, metticene altri sette.
ELENA
Molto tempo, troppo, amore mio. E tutti questi rischi li hai superati egregiamente per arrivare qui a farti assassinare.
MENELAO
Come, come? Cosa dici? Resto annichilito.
ELENA
Scappa, vattene via al più presto di qui. Altrimenti, il padrone di questo palazzo ti scanna.
MENELAO
Perché? Ho commesso qualche crimine?
ELENA
Sei giunto inatteso a impedire le mie nozze.
MENELAO
C'è forse qualcuno che vuol sposare mia moglie?
ELENA
Certo, e mi infligge una violenza che devo subire.
MENELAO
È un privato molto potente o è il signorotto locale?
ELENA
È l'attuale sovrano, il figlio di Proteo.
MENELAO.Euripide Elena
17
Ora apro gli occhi, ecco cosa voleva dire la vecchia.
ELENA
Ma a quale porta avevi bussato?
MENELAO
A questa; e mi hanno buttato fuori come un pitocco.
ELENA
Povera me! Hai chiesto l'elemosina?
MENELAO
L'espressione è impropria, ma di fatto...
ELENA
Così del mio matrimonio sai tutto.
MENELAO
Ma non ho capito se gli hai detto di sì.
ELENA
No, non temere: non è stato macchiato, il tuo letto.
MENELAO
E chi me ne dà garanzia? Sarebbe bello, se fosse vero.
ELENA
Non vedi il giaciglio che mi sono preparata qui?
MENELAO
Vedo un tappeto di foglie; cosa c'entra con te?
ELENA
È il mio rifugio contro la violenza erotica.
MENELAO
Perché mancano gli altari, o è l'uso barbaro?
ELENA
Questo giaciglio mi ha protetto meglio di un altare.
MENELAO
E a casa con me non posso riportarti?
ELENA
Ma qui ti aspettano, non le mie carezze, ma colpi di spada.
MENELAO
Così la misura sarebbe colma.
ELENA
E allora scappa subito, senza ritegno.
MENELAO
E lascio te? Ma se per te ho smantellato Troia!
ELENA
Ora devi fuggire, non c'è scelta: il mio letto sarebbe la tua tomba.
MENELAO
L'eroe di Troia non può fuggire..Euripide Elena
18
ELENA
Anche se vuoi ammazzarlo, il re, non ci riesci.
MENELAO
Perché, lui è invulnerabile?
ELENA
Te ne accorgerai: rischiare l'impossibile non è da persona intelligente.
MENELAO
Tanto vale che io stenda le mani, perché me le leghino.
ELENA
È una situazione balorda: ci vorrebbe un'idea.
MENELAO
È meglio agire e morire, che accettare la morte.
ELENA
Forse ci sarebbe una via d'uscita, una sola.
MENELAO
Denaro? Colpo di mano? O trattative diplomatiche?
ELENA
Non deve sapere che sei qui.
MENELAO
E chi glielo dice? Lui non mi conosce.
ELENA
Ha un'alleata che è quasi divina.
MENELAO
Ha in casa un oracolo personale?
ELENA
Si tratta di sua sorella. La chiamano Teònoe, «Mente divina».
MENELAO
Il nome è tutto un programma: ma in concreto, cosa fa?
ELENA
Sa tutto, e rivelerà al fratello che sei qui.
MENELAO
Sarebbe la fine: ingannarla mi par difficile.
ELENA
Se riuscissimo a furia di preghiere...
MENELAO
A cosa? Che speranza mi fai balenare?
ELENA
... a farle tacere che sei qui.
MENELAO
Se lei si convince, sarà possibile fuggire, dopo?
ELENA
Col suo consenso, sì, di nascosto no..Euripide Elena
19
MENELAO
Affare tuo; le donne tra di loro si intendono.
ELENA
Mi getterò ai suoi piedi.
MENELAO
E se non ci sta a sentire?
ELENA
Morirai: e io, povera donna, sarò costretta a sposarlo.
MENELAO
Costretta. Traditrice! Il tuo è un pretesto.
ELENA
Giuro sulla tua testa il più nobile dei giuramenti...
MENELAO
Di morire? Di non entrare nel letto di un altro?
ELENA
Di morire, con la tua spada, accanto a te.
MENELAO
Qua la mano, allora.
ELENA
Pronti: se tu muori, io lascerò la vita.
MENELAO
Senza di te, metterò fine alla mia.
ELENA
Però ci vorrebbe una morte con nobile alone di gloria.
MENELAO
Colla tomba alle spalle, ti uccido e mi uccido. Ma prima, la grande tenzone: mi batterò in onore del tuo onore. Si faccia
avanti chi vuole! Non getterò fango sui galloni che ho conquistato a Troia, non tornerò in Grecia col nome infamato.
Grazie a me Teti ha perso Achille, io ho visto crepare Aiace, io ho orbato Nestore del figlio, e non avrò il coraggio di
procombere per la mia sposa? Certo che sì. Saggia è la man o di dio: il cielo riserva onorata sepoltura all'eroe che cade
sotto i colpi nemici, i vili giacciono disprezzati nell'infamia.
CORO
Oh, se una volta andasse bene alla razza di Tantalo e cambiasse direzione il vento!
ELENA
Oh, povera me: oh, che disgrazia! Menelao, è la fine: sta per uscire dal palazzo Teònoe, la maga: sento il rumore dei
chiavistelli. Scappa. No, non serve. Lei sa già del tuo arrivo, che ti veda o non ti veda: sono rovinata, rovinata. Sei
scampato al massacro a Troia per farti scannare qui, in un paese di bruti. [continua]
[ELENA, 2]
TEÒNOE
Guidami, con la fiaccola ben alta, agita il turibolo, come esige il rito, che sia incorrotta l'aria che respiro; e tu purifica
con la fiamma la strada, se mai l'abbia contaminata piede indegno, spargi al suolo, davanti a me, aghi di pino. Reso agli
dei il tributo, riportate a palazzo il fuoco sacro. E allora, Elena, che te ne pare dei miei vaticini? Eccolo qui tuo marito,
in carne e ossa, e la sua nave l'ha persa, ha perso la tua sosia. Sin qui sei giunto attraverso mille traversie, Menelao, e
ora non sai se dovrai restarci o se potrai tornare in patria. Proprio oggi si riunisce un'assemblea, lassù, per decidere su di
te, ordine di Zeus, e le acque sono agitate. Colei che una volta ti osteggiava, Era, adesso è tutta per te e si batte per il.Euripide Elena
20
vostro rientro a Sparta, sani e salvi: così denuncia ai Greci che si trattava di un matrimonio finto, per Paride: che bel
regalo di Cipride! Cipride, invece, sabota il tuo ritorno: non vuole salire sul banco degli accusati, che si sappia come ha
ottenuto la vittoria, pagando in moneta falsa, con le nozze immaginarie di Elena. L'ago della bilancia sono io: se sto
dalla parte di Cipride, dovrò rivelare a mio fratello che sei qui, e ti rovino; se sto con Era, invece, mi sarai debitore della
vita; basta che taccia la tua presenza a mio fratello, violando il suo preciso ordine di tenerlo informato... Che qualcuno
vada dal re e gli comunichi che Menelao è sul suolo egizio; non voglio correre rischi.
ELENA
Sacerdotessa, mi butto al tuoi piedi - non è una posizione comoda - e ti supplico per me e per lui: l'ho appena ritrovato e
già corro il rischio di perderlo. Non raccontare a tuo fratello che stringo Menelao tra le mie braccia amorose: ti prego,
sii clemente; non sacrificare a tuo fratello la tua pietà di un tempo, in cambio di una gratitudine iniqua, perversa. Dio
odia violenza e prepotenza, vieta i guadagni ingiusti. Gli illeciti profitti, meglio lasciarli perdere. Il cielo è di tutti, e la
terra anche: riempiti pure la casa, ma non a spese del prossimo, non colla violenza. Per fortuna, e però anche per mia
disgrazia, Ermes mi aveva affidato a tuo padre, in custodia, per mio marito, che adesso viene a ritirarsi il suo. Se lui
muore, come la mettiamo? Cosa farà il custode? Consegna un vivo a un cadavere? Avanti, mettiti nei panni del dio e di
tuo padre: la roba degli altri, loro due, intendono restituirla o tenersela? Restituirla, credo. Non preferire un fratello
stolto a un padre saggio! Hai preso i voti, credi in dio e tradisci il dovere di tuo padre, copri le prepotenze di un fratello
reprobo. Bel risultato, conoscere i misteri celesti, presenti e futuri, e ignorare le leggi della giustizia! Ma guarda come
sono ridotta, in che stato, dammi una mano, lascia che si spezzi la catena delle mie disgrazie. Elena la detestano tutti;
sono famosa in tutta la Grecia: sono quella che ha piantato il marito per sistemarsi nei lussuosi palazzi della Frigia. Se
rivedo la Grecia, se rimetto piede a Sparta, lo capiranno tutti, finalmente, che era tutta una macchinazione dall'alto, che
io non ho tradito i miei cari: sarò riabilitata, troverò un marito per mia figlia, oggi nessuno la vuole; cesserò di
mendicare amaramente la vita, rientrerò in possesso del mio patrimonio. Ma pensa! Se Menelao fosse stato trafitto sui
campi della Frigia, che funerali gli avrei celebrato, splendidi, disperandomi per l'eroe caduto oltremare. Ora è qui, tutto
intero, e me lo vuoi portar via. Non farlo, ti prego, vergine santa: concedimi questa grazia e segui i principi di tuo padre,
che era un galantuomo: cosa c'è di più bello di una gara di onestà tra padri e figli?
CORO
Il discorso che hai pronunziato è commovente, e provo pietà per te. Però vorrei anche sentire Menelao, cosa argomenta
per tirarsi d'impaccio.
MENELAO
Io non intendo cadere al tuoi piedi con gli occhi umidi di lacrime: sarebbe una vergogna, una viltà per uno che è stato a
Troia. Per quanto si ammetta, da molti, che un individuo di alto lignaggio può, nei momenti più gravi, abbandonarsi al
pianto. Io non mi sento di anteporre uno sfogo, chiamiamolo pur bello, a un contegno virile. Se credi tuo dovere
risparmiare uno straniero che a ragion veduta reclama sua moglie, restituiscimi Elena e garantiscimi la vita: altrimenti
una nuova disgrazia verrà ad aggiungersi alle altre che mi sono toccate; ma tu, allora, come ne uscirai? Di sicuro come
una donna di scarso valore. Per il rispetto che ho per me stesso e per la giustizia, e nella convinzione di far breccia nel
tuo cuore, non posso non esclamare, cadendo in ginocchio sulla tomba di tuo padre: «Vecchio, che dimori in questo
tabernacolo di marmo, rendimi, ti prego, mia moglie: è stato Zeus a mandartela qui, perché tu me la custodissi. Capisco
che sei defunto, e che quindi ti è difficile saldare il tuo debito: ma tua figlia non può macchiare l'onorato nome del
padre, a cui faccio appello nell'al di là: perché tutto dipende da lei, adesso.» Signore delle tenebre, invoco anche il tuo
aiuto: questa mia spada ha falciato per te in nome di Elena una messe di uomini; tu l'hai avuto il tuo guadagno, e
dunque, o li rispedisci tutti indietro, vivi, o costringi questa donna a mostrarsi pia quanto suo padre e a riconsegnarmi
Elena. Se mi depredate della mia consorte, preciserò alcuni punti che lei ha tralasciato nel suo intervento. Ci siamo
impegnati giurando - è bene che tu lo sappia - a uno scontro armato con tuo fratello, e senza via d'uscita: o lui o io. Se
poi rifiuta di battersi, e cerca di piegarci per fame bloccandoci in questo sacrario, la nostra risposta è già stabilita:
ammazzo Elena e poi mi trapasso il cuore con la spada, questa bella spada a due tagli. Rivi di sangue sgorgheranno sul
sepolcro di Proteo: due cadaveri giaceranno uno accanto all'altro sopra il marmo levigato, per tuo eterno rimorso, e a
disdoro di tuo padre. Questa donna è mia e non l'avrà in sposa tuo fratello né qualche altro tuo parente: me la porto via
con me, o in patria, o all'inferno. Ma cosa vado blaterando? Se per arma avessi scelto le lacrime come una donna, avrei
ottenuto più effetto che con queste incalzanti dichiarazioni. Toglici pure di mezzo, se vuoi: cadremo con dignità. Ma è
meglio se ti lasci convincere: dimostrerai amore per la giustizia, e io riavrò la mia legittima consorte.
CORO
A te, giovane donna, sei tu l'arbitro della situazione: decidi in modo da accontentare tutti.
TEÒNOE
Per natura sono timorata di dio, non voglio cambiare; e ho molta dignità, non getterei mai fango sul nome di mio padre;
respingo l'idea di connivenza con mio fratello a scapito della mia reputazione. Ho eretto in cuore un tempio alla
giustizia; una dote che ho ereditata dal nonno, e per questo tenterò di garantire l'incolumità di Menelao. Mi schiererò a
fianco di Era, visto che ti è favorevole, augurandomi di non perdere la benevolenza di Cipride, che però non è della mia.Euripide Elena
21
parrocchia, visto che ho fatto voto di castità. Non senza violenza ti sei appellato a mio padre, ma io sono d'accordo:
sarebbe un grave torto sottrarti a Elena. Se fosse campato, Proteo avrebbe restituito lei a te e te a lei. C'è una sanzione
per gli obblighi violati e si applica tanto a chi è ormai al di là che a chi è di qua: nei defunti non sopravvive il pensiero
individuale, ma si sono riuniti all'eterno, e eterna consapevolezza dura in loro. Per non pontificare troppo: manterrò il
silenzio che mi chiedete; mi dissocio dalla follia di mio fratello. Gli rendo un eccellente servizio, suo malgrado, se di un
sacrilego faccio un uomo onesto. Sta a voi, adesso, studiare una via d'uscita: io mi tiro da parte, mi cucio la bocca.
Elena, il primo passo è una bella preghiera, a Cipride, perché ti permetta di rivedere i tetti di casa tua, a Era, che non
receda dai suoi buoni propositi nei confronti tuoi e di tuo marito. Padre, padre che ho purtroppo perduto, per quello che
dipende dalle mie forze, mai sarai accusato di empietà, tu, che eri tanto devoto.
CORO
La disonestà non paga mai; la salvezza puoi sperarla solo attraverso la giustizia.
ELENA
Menelao, per quanto riguarda Teònoe, siamo a posto. Ora tocca a te. Suggerisci un rimedio, escogita un piano per
cavarcela.
MENELAO
Senti, è tanto che sei qui, hai familiarità con il personale della reggia?
ELENA
Perché me lo chiedi? Mi sbaglio, o hai in mente un'azione utile per te e per me?
MENELAO
Riesci a convincere gli addetti alle scuderie a cederci un tiro a quattro?
ELENA
Forse sì: ma è una fuga condannata in partenza; non conosciamo la pianura egiziana.
MENELAO
Già, è impossibile. E se mi nascondo in casa e, con la spada in pugno, salto addosso al re?
ELENA
Non credo che lei lo permetterebbe; se pensa che vuoi ammazzare suo fratello, parlerà.
MENELAO
Il guaio è che non possediamo neanche una nave per prendere il largo: la mia è in fondo al mare.
ELENA
Stammi a sentire, anche se è il consiglio di una donna. Cosa ne dici di farti passare per morto?
MENELAO
Porta iella: ma se conviene, vivo e vegeto come sono, son disposto a fingermi defunto.
ELENA
E noi coi capelli tagliati, piangendo mettiamo su una bella scena di disperazione, davanti a quel sacrilego.
MENELAO
Non credo che possa funzionare. Il trucco mi sembra vecchiotto.
ELENA
Chiederò al sovrano, visto che sei annegato, di onorarti con una tomba vuota.
MENELAO
Mettiamo che dica di sì: ma che ce ne facciamo di una tomba, quando abbiamo bisogno di una nave?
ELENA
Lo pregherò di darmene una, per sistemarci le corone, gli arredi per il rito funebre, che voglio celebrare al largo.
MENELAO
Tu ragioni bene: ma se lui ti propone di seppellirmi in terra ferma?.Euripide Elena
22
ELENA
L'usanza greca, gli diremo, vieta l'inumazione per chi è morto per acqua.
MENELAO
D'accordo, tu sistemi la faccenda nave, e io salgo a bordo con te e con gli aggeggi per la cerimonia.
ELENA
Non da solo: devi tenerti pronto con i tuoi compagni scampati al naufragio.
MENELAO
Dunque, tu procuri una nave all'ormeggio, io provvedo a un bel gruppo di armati.
ELENA
Tu controlla tutto: e poi che il vento sia propizio e via veloci.
MENELAO
E così sia. La fine del mio patire mi verrà dall'alto. Dirai che sono morto: ma da chi l'hai saputo?
ELENA
Da te, no?
MENELAO
Da me?
ELENA
Tu sei l'unico superstite, con i tuoi occhi hai visto affogare Menelao.
MENELAO
Giusto, e questi stracci sono la prova del disastro.
ELENA
Che fu provvidenziale, anche se allora provvidenziale non ti sarà parso. Quella disgrazia promette di essere un colpo di
fortuna.
MENELAO
Che faccio? Vengo con te a palazzo, o me ne sto qui presso la tomba?
ELENA
Resta qui: se ha brutte intenzioni, hai una doppia difesa, la tua spada e la tomba. Io rientro a palazzo, do l'addio al miei
riccioli, mi infilo un abito da lutto; mi graffio a sangue le guance. La posta in gioco è molto alta, i casi sono due: o mi
scoprono e ci rimetto la vita, o riesco a tornare a Sparta, con te sano e salvo. Patrona santa, che siedi al fianco di Zeus,
Era, concedi a due sofferenti sollievo dalla loro angoscia, ti preghiamo levando le braccia verso le stelle che ornano il
cielo, tua dimora. E tu, Cipride, che devi il tuo trionfo alle mie nozze, ti prego, non infierire su di me. Sono già tanto
provata, tra i barbari hai fatto strazio del mio nome, se non del mio corpo. Se vuoi finirmi, lasciami almeno chiudere
l'esistenza in patria. Inganni d'amore, subdoli raggiri, filtri rossi di sangue nelle case sono il tuo retaggio: sei così avida
di male? Perché? Se tu sapessi frenarti, saresti, tra gli dei, l'essere più caro agli uomini: non posso negarlo.
CORO
str.
Macchie fitte di fronde,
e l'usignolo vi risiede,
nel suo regno di armonia
leva limpido, doloroso il canto.
Lui invoco qui presso a me;
dalla sua gola erompa un tumulto di note,
accompagni il mio grido
sul male di Elena,
sull'angoscia delle donne di Ilio
per le vite stroncate dagli Achei.
Correva sulla sua nave barbara,
tra sciabordìo d'acque,
toccava il porto, lo toccava.Euripide Elena
23
e portava ai Priamidi
il lutto dell'amore di Elena,
Paride,
scortato da Afrodite, sposo per nozze di sangue.
ant.
Molti gli Achei trafitti da spade,
schiacciati da massi,
le bocche mordono la terra crudele,
le donne si sono recise le chiome,
deserte sono le stanze delle case.
Gli Achei. Ha illuminato col rosso dei fuochi
l'Eubea il signore dell'isola,
a fauci di scogli ha dirottato
i Greci, li ha gettati
con luci illusorie contro strapiombi dell'Egeo.
Soffiano venti impetuosi sul capo Malea
respingono lontano dalla patria Menelao: la sua nave trasporta
preda di una scorreria di selvaggi
- preda no - trappola,
un fantasma, uscito dalle pie mani di Era.
str.
L'eterno, il caduco, il transitorio.
Ci si interroga, macera,
restano senza risposta
le azioni degli dei,
mutevoli, cangianti,
capricciose, inattese,
di esito opposto.
Tuo padre, Elena, è Zeus,
dall'alto è sceso nel grembo di Leda,
sei sua figlia. Ma il tuo nome
suona vergogna, tradimento, in Grecia,
infedeltà, sacrilegio. Tra gli uomini
l'evidenza, per me, si offusca: ma il verbo
divino - da tempo lo so - è verità.
ant.
Sciocchi cacciatori di gloria in guerra,
con impetuosi assalti di spade,
non metterete la parola fine
alle miserie della gente;
se bastasse un gesto di forza a decidere,
violenza dovunque fronteggerebbe violenza;
colle loro lotte i Priamidi
si sono guadagnati il posto tra i morti;
si poteva trattare,
trovare un accordo ragionando .
L'Ade li ha accolti ora fra le sue braccia
sulle mura le fiamme si sono avventate
come folgori, dolore
chiama dolore per te, Elena,
e roco compianto funebre.
TEOCLIMENO
Salve, tomba paterna: ti ho tumulato apposta, Proteo, vicino alla reggia per poterti rendere l'omaggio della mia voce.
Ogni volta che esce e entra a palazzo, tuo figlio Teoclimeno presta a te il suo ossequio. Schiavi, sbrigatevi a sistemare
nelle scuderie cani e lacciuoli. Io ho molti rimproveri da muovermi: ai furfanti, la pena di morte non la infliggo più? Un
greco, mi dicono, è comparso in questi paraggi, ha eluso la vigilanza delle mie guardie; è una spia, un rapitore di Elena.
Se lo catturo, morrà. Ma a quanto pare, i giochi sono fatti: il posto di Elena, accanto alla tomba, è vuoto; l'hanno
imbarcata, ha lasciato l'Egitto. Presto, giù le sbarre, fuori carri e cavalli; non voglio che la portino via dall'Egitto, la mia.Euripide Elena
24
Elena, non lascerò niente di intentato. Un momento: stanno uscendo da palazzo, loro, non sono scappati, non c'è
bisogno di inseguirli. Ma perché indossi gramaglie e non i soliti abiti bianchi? E cos'è questo scempio dei tuoi splendidi
capelli? Come mai piangi che sembri una fontana? Sei ancora scossa da un incubo? O qualche notizia ti ha sconvolta, a
palazzo?
ELENA
Mio signore, perché ora ti chiamo così, per me è finita; ho perso tutto, sono annientata.
TEOCLIMENO
Ti è successo qualcosa? Una disgrazia?
ELENA
Menelao, le parole mi escono a stento di bocca, è morto.
TEOCLIMENO
Magnifico, anche se non è corretto da parte mia dirlo. Da chi lo hai saputo? Teònoe, forse?
ELENA
Da Teònoe e da uno che ha veduto.
TEOCLIMENO
Come? C'è qui uno che ti ha riferito?
ELENA
C'è, e che vada a finire dove gli auguro.
TEOCLIMENO
Chi è, dov'è? Voglio sapere tutto.
ELENA
Se ne sta lì, rannicchiato, presso la tomba.
TEOCLIMENO
Dio, che razza di stracci ha addosso!
ELENA
E io mi vedo davanti, così, mio ma rito!
TEOCLIMENO
Ma chi è questo tipo, da dove sbuca?
ELENA
Era insieme a mio marito: è greco.
TEOCLIMENO
Secondo la sua versione, come sarebbe morto, Menelao?
ELENA
Nel modo più orribile, travolto dalle onde.
TEOCLIMENO
In che acque stava navigando?
ELENA
È stato sbattuto contro gli scogli della Libia.
TEOCLIMENO
Se era a bordo, lui, come mai si è salvato?
ELENA
La gente da poco, qualche volta, se la cava meglio degli eroi..Euripide Elena
25
TEOCLIMENO
Il relitto della nave dove si trova?
ELENA
Dove sarebbe dovuto crepare lui, non Menelao.
TEOCLIMENO
Chi giace, giace. Come è arrivato sin qui?
ELENA
Dice che lo hanno accolto dei marinai.
TEOCLIMENO
E quel bell'omaggio spedito ai Troiani al posto tuo?
ELENA
Il fantasma, la nuvola? Dileguata nell'aria.
TEOCLIMENO
Priamo, Troia: che fine inutile.
ELENA
Anch'io ci ho avuto la mia parte.
TEOCLIMENO
Tuo marito ha ricevuto onori funebri?
ELENA
No, una disgrazia tiene dietro all'altra.
TEOCLIMENO
Ecco perché ti sei sconciata i capelli.
ELENA
Un essere caro è sempre caro e presente.
TEOCLIMENO
Ma ce l'hai proprio ragione di disperarti?
ELENA
Secondo te, è facile ingannare tua sorella?
TEOCLIMENO
Penso di no. Allora? Tra me e te ci sarà sempre una tomba?
ELENA
Perché mi prendi in giro? Perché non lasci in pace i morti?
TEOCLIMENO
Tu resti fedele a tuo marito, mi eviti.
ELENA
Hai ragione, la smetto: su, da' via libera ai preparativi per le nozze.
TEOCLIMENO
L'idea è buona, anche se tardiva.
ELENA
Mettiamo una pietra sul passato.
TEOCLIMENO
D'accordo, ma io, in cambio, cosa ci guadagno?.Euripide Elena
26
ELENA
Facciamo la pace, riconciliati con me.
TEOCLIMENO
Basta con il rancore, lo seppellisco.
ELENA
Se mi sei legato davvero, ti supplico...
TEOCLIMENO
Adesso ti butti ai miei piedi? A cosa miri?
ELENA
Il mio povero marito, lo voglio seppellire.
TEOCLIMENO
Ma come? Vuoi seppellire uno che non c'è? O vuoi destinare un sarcofago a un'ombra?
ELENA
Tra i Greci, c'è un'abitudine se uno è scomparso in mare...
TEOCLIMENO
Quale? Sono abili i Greci.
ELENA
... di rendere gli onori funebri a un semplice sudario, senza il corpo.
TEOCLIMENO
Erigi il tumulo dove credi.
ELENA
Ma non si fa così per i naufraghi, da noi.
TEOCLIMENO
E come? Non sono pratico, io, degli usi greci.
ELENA
Si affidano al mare gli oggetti di rito.
TEOCLIMENO
E allora, cosa dovrei metterti a disposizione?
ELENA
Non lo so, non mi ci sono mai trovata, chiedilo a lui.
TEOCLIMENO
Amico, tu mi hai portato una buona notizia.
MENELAO
Non per me e per chi è morto.
TEOCLIMENO
Come vi regolate nelle cerimonie per i naufraghi?
MENELAO
In base al patrimonio di ciascuno.
TEOCLIMENO
Se è questione di denaro, chiedi pure: per lei, qualunque spesa.
MENELAO.Euripide Elena
27
Si comincia sacrificando ai defunti.
TEOCLIMENO
Che cosa? Spiega e ti accontenterò.
MENELAO
Sta a te decidere: la tua offerta andrà bene.
TEOCLIMENO
Noi, gente barbara, immoliamo un cavallo o un toro.
MENELAO
Purché si tratti di un animale di razza.
TEOCLIMENO
Ho molte mandrie di gran pregio.
MENELAO
Ci vogliono, poi, dei drappi; è un omaggio simbolico.
TEOCLIMENO
Li avrai: che altro?
MENELAO
Armi di bronzo battuto: era un eroe.
TEOCLIMENO
Darò armi degne dei Pelopidi.
MENELAO
E, naturalmente, fiori e frutta.
TEOCLIMENO
E per calarli in mare?
MENELAO
Occorre una nave e un equipaggio.
TEOCLIMENO
Distanza da terra?
MENELAO
Si deve intravedere appena la scia della nave.
TEOCLIMENO
Questa poi! E per che motivo?
MENELAO
Perché non vengano spinte a riva le vesti vuote.
TEOCLIMENO
Avrai il più veloce tra gli equipaggi fenici.
MENELAO
Un tributo degno e ben accetto a Menelao.
TEOCLIMENO
La presenza di Elena è indispensabile? Non basti tu?
MENELAO
È un compito riservato alla madre, o alla moglie, o ai figli..Euripide Elena
28
TEOCLIMENO
Insomma, sarebbe suo ingrato dovere seppellire il morto.
MENELAO
Pietà vuole che non si defraudino i defunti degli onori ad essi dovuti.
TEOCLIMENO
Va bene: è mio interesse avere una moglie timorata di Dio. Entra a palazzo, amico, e prendi tutto quello che serve a
onorare l'estinto. Non ti lascerò partire a mani vuote dalla mia terra, se accontenti Elena. E visto che mi hai portato
buone notizie, avrai un abito al posto dei tuoi cenci, e dei viveri per il viaggio: ora come ora ti vedo proprio malconcio.
Cara, non continuare a tormentarti inutilmente: giace in fondo al mare, Menelao, un defunto non può tornare in vita.
MENELAO
È tuo dovere, donna. Lo sposo che hai qui, amalo, e lascia perdere quell'altro; in questi casi è l'unica soluzione. Se
riesco a arrivare sano e salvo in Grecia, metterò fine alle maldicenze sul tuo conto: naturalmente se sarai per tuo marito
la moglie che lui si aspetta.
ELENA
Così sia. Mio marito non avrà nulla da rimproverarmi; stammi vicino e ne avrai la prova. Intanto, entra in casa,
rinfrescati, cambiati gli abiti. E tu, Teoclimeno, non tarderai ad avere da me la ricompensa che ti meriti: renderai più
volentieri al mio amato Menelao servizi preziosi, se mi comporto con te come bisogna.
CORO
str.
La madre degli dei
si avventa con folle corsa
dai suoi monti, per valli folte
su acque veloci di fiumi,
sulle onde violente del mare
disfatta dal desiderio
della figlia (altra come lei non c'è)
perduta.
Stridule,
penetranti crepitano le nacchere;
ha aggiogato belve al suo carro,
cerca le tracce della creatura
strappata a danze giovanili.
Come turbini piombano al suo fianco
Artemide, Atena
con l'arco, con lancia e corazza.
Zeus che risplende nei cieli ha deciso altrimenti.
ant.
Si arresta la corsa
confusa
dietro introvabili indizi
(rapita a tradimento, sparita):
inutilmente tentati
nel cieco soffrire
persino i ghiacci dell'Ida,
crolla su rocce e neve.
Sterile è la terra, inaridita;
condanna, la dea, la razza
degli uomini,
nega alle bestie
fiorire di verdi pascoli,
la vita si estingue nelle città,
non si alza fumo di sacrifici,
gelidi gli altari, senza offerte;
ferma il respiro umido
delle sorgenti la dea,
non sa dimenticare l'angoscia..Euripide Elena
29
str.
Ha interrotto feste e conviti
li rifiuta alla terra, e al cielo,
lacerata da odio e rancore.
Zeus manda le Grazie,
le Muse; le vuole
vicino alla madre
impazzita per la vergine scomparsa,
a esorcizzarne il dolore
con eccitate grida e canti.
Echeggiano bronzi in mano a Cipride,
tamburi tesi; strumenti
ignoti alla dea tanto bella.
Erompe in riso, afferra Demetra
un flauto dai timbri caldi;
quella voce la esalta.
ant.
Nel tuo talamo, figlia,
non hanno albergato legge e pietà,
contro di te ha rivolto l'ira
la grande madre, ne hai trascurato i riti.
Pelli screziate di cerbiatti,
edera fresca, collana
per sacri nardi,
sferza di sistri,
che vibrano nell'aria;
capelli al vento, per Dioniso,
ridde notturne per Demetra:
sono potere.
Frena il tuo orgoglio, Elena, la tua vanità:
essere bella non è tutto.
ELENA
A palazzo, amiche, tutto è andato per il meglio. Alle domande del fratello, da mia brava alleata, Teònoe gli ha taciuto
che Menelao è qui: anzi, per favorirmi, ha dichiarato che è morto, che non vede più la luce del sole. Mio marito ha
sfruttato molto abilmente la storia delle armi da affondare tra le onde: ha imbracciato lo scudo, impugnato la lancia,
come per onorare, insieme a me, il defunto. E così si è preparato per lo scontro, per erigere i suoi trofei su centinaia di
barbari, quando ci imbarcheremo; io ho gettato via i suoi brutti cenci da naufrago, l'ho rivestito da capo a piedi, dopo
averlo lavato e ripulito a furia di acqua corrente. Guarda, guarda: sta uscendo di casa l'illuso che crede di tenermi in
pugno per le nozze; devo sigillarmi la bocca; e conto anche sul vostro silenzio: se ci salviamo, forse riusciremo a
liberare anche voi, un giorno o l'altro.
TEOCLIMENO
Mettetevi in fila per bene, come ha voluto lo straniero, con i donativi da calare tra le onde. Se mi dai retta, Elena, e ti
pare che non parli a vanvera, rimani a terra: che ti imbarchi o no, rendi sempre un tributo di onori a Menelao. Temo un
colpo di testa, ma sì, che per un attacco di nostalgia, sconvolta dal ricordo del marito, tu ti butti in mare. Lo so che
continui a sospirare per lui, anche se è scomparso.
ELENA
Tu sei il mio nuovo sposo: ma io sono obbligata a onorare chi ti ha preceduto e mi ha conosciuto vergine. Però non
avrebbe senso unirmi a lui nella morte, per il fatto di amarlo: che vantaggio ne avrebbe? Lascia dunque che io salga a
bordo per le esequie. E gli dei esaudiscano quello che io voglio, per te e per questo straniero che collabora con noi.
Visto che rendi un favore a Menelao e a me, avrai in casa la moglie che è giusto tu abbia: mi sembra che tutto proceda
nel senso desiderato. Procuraci la nave su cui caricare le offerte: e avrai tutta la mia gratitudine.
TEOCLIMENO
Esci, tu, tieni pronto un battello fenicio, con cinquanta rematori.
ELENA
Il comando a chi lo affidi? A lui, maestro di cerimonie?.Euripide Elena
30
TEOCLIMENO
Certo, e i miei marinai gli dovranno obbedienza.
ELENA
Ripeti l'ordine in modo che non ci sia dubbio.
TEOCLIMENO
Se ti fa piacere, lo confermo, lo ribadisco.
ELENA
Benedetto tu, e benedetti i miei propositi.
TEOCLIMENO
Non rovinarti la pelle a furia di lacrime.
ELENA
Oggi ti proverò la mia riconoscenza.
TEOCLIMENO
Chi è morto giace, e chi è vivo si dà pace.
ELENA
I miei morti, per me, sono là, ma sono anche qui.
TEOCLIMENO
Non ti farò rimpiangere Menelao.
ELENA
Per carità, non ho critiche da muoverti. È solo questione di fortuna.
TEOCLIMENO
Te la fai da sola la fortuna, se vuoi concedermi il tuo amore.
ELENA
Ad amare i miei cari, non l'ho imparato adesso.
TEOCLIMENO
Vuoi che piloti io, per darti una mano?
ELENA
Direi di no: non puoi abbassarti al livello dei tuoi schiavi.
TEOCLIMENO
Va bene, cosa mi importano gli usi dei Pelopidi? La reggia è incontaminata, Menelao non ha esalato a casa mia l'ultimo
respiro. Qualcuno vada a dire ai miei famigli di provvedere, a palazzo, per una sontuosa cerimonia nuziale; l'intero
paese deve risuonare di inni festosi per il mio matrimonio con Elena: voglio che mi venga invidiato. Quanto a te,
straniero, affida all'abbraccio del mare i doni per l'antico marito di Elena; e poi ritorna, in fretta, qui con mia moglie: a
tua scelta potrai partecipare al banchetto nuziale e stabilirti, poi, in Egitto, o ripartire verso i tuoi lidi.
MENELAO
O Zeus, che chiamano padre e saggio, rivolgi su di noi il tuo sguardo, liberaci dai mali. Trasciniamo le nostre sciagure
per una strada scoscesa; aiutaci: sfioraci con la tua mano, e la nostra sorte cambierà come noi desideriamo. Abbiamo
sofferto anche troppo sino ad oggi. O dei, vi ho invocato, e vi ho rivolto parole di fiducia e di oltraggio; la mia sorte non
può sempre essere cattiva, deve raddrizzarsi; questo solo vi chiedo, e sarà per me, per sempre, la felicità.
CORO
str.
Rapida nave fenicia,
il battito amico dei remi
frange le onde,
intorno armoniosamente danzano.Euripide Elena
31
i delfini, quando
brezze spirano sulla quieta distesa
e la voce riecheggia della glauca figlia del Ponto,
che parla ai marinai
«Spiegate le vele,
si gonfino ai venti,
vogate con forza, con forza:
voi riportate Elena
a fondali ricchi di approdi,
al palazzi di Micene.»
ant.
Ritroverai le rive del fiume
il tempio di Pallade
le vergini Leucippidi,
finalmente sarai di nuovo
tra i cori,
alle feste notturne per l'eroe
falciato da Apollo in gara:
veleggiò nell'aria e nel sangue
il disco del dio, che impose
in terra spartana, ogni anno,
sacrificio di buoi per l'estinto.
Ritroverai Ermione, il tuo virgulto;
il chiaro delle fiaccole
non ha illuminato nozze per lei.
str.
Potessi librarmi nell'aria
come le gru della Libia;
lasciano autunni piovosi
docili al richiamo del capostormo,
che lancia stridule grida
sorvolando lande deserte,
campi fertili.
Alati dall'esile collo,
in corsa con le nuvole,
lasciatevi dietro le Pleiadi
e Orione nella notte;
e sui bordi dell'Eurota
risuoni il vostro messaggio:
«Menelao torna,
torna, ha distrutto Troia.»
ant.
Accorrete sul vostri cavalli,
discendete dall'alto,
Tindaridi,
tra i turbini di astri di luce,
voi, che abitate il cielo,
salvate Elena:
sono scure le acque, livide, grigi
i flutti.
Chiedete a Zeus venti propizi
per chi naviga;
togliete a Elena l'obbrobrio,
l'accusa di letti barbari;
ha pagato per una rissa fra dee,
e non ha mai posto piede,
mai, tra le mura di Ilio.
NUNZIO.Euripide Elena
32
Signore, non so se è una fortuna trovarti; è grave la cosa che debbo riferirti.
TEOCLIMENO
Cos'è successo?
NUNZIO
È meglio che ti cerchi un'altra moglie: Elena ha passato il confine.
TEOCLIMENO
Si è alzata in volo o è fuggita a piedi?
NUNZIO
Il suo sposo se l'è portata con sé. Era Menelao l'uomo che ci ha comunicato la morte di Menelao.
TEOCLIMENO
Spaventoso: e su che nave sarebbero salpati? È incredibile quello che racconti.
NUNZIO
Ma gliela hai data tu, la nave: per farla breve, è filato via col tuo equipaggio.
TEOCLIMENO
Com'è andata? Ti sto ascoltando: come posso credere che un uomo solo sia riuscito a farcela contro un'intera scorta?
NUNZIO
La figlia di Zeus, lasciata la reggia, si era diretta al mare, camminava tutta languida singhiozzando sul marito, che le
andava dietro vivo e vegeto. Arriviamo alla darsena dove è in secco la tua flotta, caliamo in acqua una nave sidonia al
suo primo viaggio, con i suoi cinquanta vogatori. Le operazioni si susseguono a ritmo veloce: si drizza l'albero maestro,
si piazzano i remi e si sistemano le file, biancheggiano tutte le vele; il timone viene inserito al suo posto. Mentre
eravamo tutti indaffarati e intenti al preparativi, ecco che proprio al momento giusto fanno la loro apparizione i
compagni di Menelao, incrostati di salsedine, come dei naufraghi, belli nel corpo, ma lerci, sordidi. Vedendoseli
davanti, Menelao ostenta una subdola compassione: «Poveretti, siete dei naufraghi? Greci? Perché non seppellite con
noi il defunto figlio di Atreo? È una cerimonia simbolica, voluta da Elena, il cadavere non c'è.» Quelli scoppiano in
lacrime finte, salgono a bordo con offerte in onore di Menelao: tra noi nascevano già sospetti e mormorii, perché erano
troppi quei Greci: però, per rispettare le tue disposizioni, ce ne stavamo quieti; tutta la confusione è nata nel momento in
cui hai affidato il comando allo straniero. Il resto del carico era leggero, e facile da trasportare a bordo: ma il toro no, il
toro non voleva salire in coperta, muggiva, roteava gli occhi, arcuava il dorso, abbassava le corna, non c'era verso di
toccarlo.
Il marito di Elena si rivolge con foga ai suoi. «Forza, massacratori di Ilio. Issatevi il toro sulle spalle robuste, alla
maniera greca, scaraventatelo a prua (e intanto tormentava la spada); lì lo scanneremo per il defunto.» Accorrono
all'invito, strappano il toro dal suo posto, lo trasportano sul ponte. Con il cavallo la faccenda fu più semplice: Menelao
riuscì a imbarcarlo, carezzandolo sul m uso e sulla fronte. Una volta completo il carico, Elena attraversa agilmente la
passerella, si accomoda sul cassero, accanto al presunto scomparso. Gli altri si allineano a dritta e a sinistra, con perfetta
regolarità, le armi nascoste sotto le vesti; scatta l'ordine del capovoga, la cantilena ritmata dei marinai sovrasta lo
sciabordio delle onde. Eravamo non troppo discosti né troppo vicini alla riva, e il timoniere si informa: «Straniero,
dobbiamo proseguire, o va bene così? Aspetto i tuoi ordini.» «Per m e va bene così.» fu la risposta. Con la spada in
pugno, Menelao si lancia verso prua, e, ritto per il sacrificio, non pronunzia il nome di alcun morto, ma sul punto di
sgozzare la bestia prega: «Posidone, signore degli oceani, e voi caste figlie di Nereo, concedeteci di raggiungere
Nauplia, fateci uscire salvi me e mia moglie da questo paese.» Il sangue dalla gola zampillava nel mare, per un fausto
presagio. Qualcuno gridò: «Tradimento! Invertite la rotta: vira di bordo, metti il timone all'orza.» Dal suo posto, accanto
al toro immolato, il figlio di Atreo apostrofa i compagni: «Fior fiore della Grecia, cosa aspettate a massacrare questi
barbari, a sterminarli, a gettarli in mare?» Il capovoga urla al suoi: «Utilizzate banchi, paglioli, strappate i remi dagli
scalmi; spaccate la testa agli stranieri.» Sono tutti in piedi, chi impugna robusti pezzi di legno, chi la spada: il sangue
scorreva a fiotti. Da poppa Elena incitava i Greci: «Dov'è la gloria conquistata a Troia? Mostratela a questi selvaggi.»
Sotto la furia dei colpi gli uomini cadevano, alcuni per rialzarsi, altri per giacere esanimi sul ponte. Menelao, l'unico
armato di tutto punto, badava a dove i suoi fossero in difficoltà, e accorreva pronto con la spada alzata obbligando i
nostri a tuffarsi in mare precipitosamente. Sui banchi dei vogatori non rimase nessuno. Lui allora punta sul timoniere,
gli ordina di dirigere la prua verso la Grecia. Il vento soffiava impetuoso sulle vele tese: sono ormai lontani dall'Egitto.
Io sono sfuggito alla strage lasciandomi scivolare in acqua lungo l'ancora; mi ha raccolto, che ero ormai sfinito, un
pescatore, mi ha ricondotto a terra. Ecco, ti ho raccontato tutto. Una saggia diffidenza è, per i mortali, la dote più utile.
CORO
Non avrei mai pensato, signore, che Menelao ce la facesse in quel modo, a te e a noi, proprio sotto il naso..Euripide Elena
33
TEOCLIMENO
Una donna mi ha raggirato. Che disgrazia, addio sposalizi. Se fosse possibile, in qualche modo, raggiungere la nave, la
inseguirei, darei tutto per catturare gli stranieri. Ma per lo meno me la pagherà mia sorella, che mi ha tradito, mi ha
nascosto che Menelao era a palazzo. Non trufferà più nessuno coi suoi responsi bugiardi.
SERVO
Dove credi di andare, padrone, chi credi di ammazzare?
TEOCLIMENO
Dove esige giustizia: togliti di mezzo.
SERVO
Mi aggrappo alle tue vesti: stai per commettere un delitto.
TEOCLIMENO
Tu, uno schiavo, vuoi comandare ai padroni?
SERVO
Io nutro deferenza.
TEOCLIMENO
Non mi pare. Lasciami...
SERVO
Non ci penso neppure.
TEOCLIMENO
... ammazzare mia sorella, quella canaglia.
SERVO
Quella pia persona.
TEOCLIMENO
Mi ha tradito.
SERVO
Giusto tradimento, ispirato dalla rettitudine.
TEOCLIMENO
Ha consegnato mia moglie a un altro.
SERVO
Che ne aveva più diritto.
TEOCLIMENO
Diritto sulle cose mie?
SERVO
Il padre di Elena l'ha data a Menelao.
TEOCLIMENO
E la sorte l'ha trasferita a me.
SERVO
L'ineluttabile te la toglie.
TEOCLIMENO
Non tocca a te giudicare.
SERVO
Invece sì, se parlo meglio di te..Euripide Elena
34
TEOCLIMENO
Devo ricevere ordini, invece di darli?
SERVO
Ma è per il tuo bene.
TEOCLIMENO
Tu hai voglia di morire, mi sembra.
SERVO
E allora uccidimi: dovrai passare sul mio cadavere prima di ammazzare tua sorella: sacrificarsi per i padroni è il gesto
più bello per uno schiavo di nobile cuore.
DIOSCURI
Modera la collera che ti sconvolge, Teoclimeno, signore di questa terra: siamo noi a consigliartelo, noi, i Dioscuri, i
figli di Leda, i fratelli di quell'Elena che ha disertato la tua reggia. Ti sdegni per un matrimonio che non ti era destinato;
non ti fa nessun torto Teònoe, figlia di una venerabile ninfa, quando rispetta le leggi di lassù e le prescrizioni di tuo
padre. Era scritto che Elena rimanesse nel tuo palazzo fino a oggi; ma una volta distrutta Troia, e non più richiesto l'uso
del suo nome, doveva rientrare nell'alveo delle antiche nozze, tornarsene a casa a vivere con suo marito. Rinfodera la
nera lama della spada: Teònoe ha agito con saggezza. Già prima ci saremmo mossi a favore di nostra sorella. Anche noi,
adesso, apparteniamo all'Olimpo, ma non abbiamo potere sul fato e sugli dei che avevano già preso le loro decisioni.
Questo per quanto ti riguarda. A nostra sorella, diciamo: «Veleggia con Menelao: avrete il vento a favore. Noi due,
cavalcando sul mare, a fianco del vostro battello, vi scorteremo sino a Sparta. Quando l'arco della tua esistenza sarà
compiuto, Elena, sarai assunta in cielo, avrai parte con noi, i Dioscuri, delle libagioni e dei doni ospitali degli umani:
così vuole Zeus. E l'isola, che fu la prima tappa del tuo viaggio attraver so l'etere, quando Ermes ti portò via per
impedire a Paride, tuo rapitore, di possedere il tuo corpo - l'isola, dico, posta di fronte all'Attica - sarà chiamata d'ora in
poi con il tuo nome, Elena: è l'onore per averti ospitato durante la trasvolata.» A Menelao, per tanto tempo errabondo,
un decreto celeste assegna residenza nell'isola dei Beati: gli dei hanno rispetto per la gente di rango; è sulle masse,
invece, che devono gravare i guai.
TEOCLIMENO
Figli di Leda e di Zeus, mi ritiro in buon ordine per quanto riguarda vostra sorella, e rinuncio ad uccidere la mia. Riveda
pure la sua patria, Elena, se così piace a quelli di lassù. Sarete fieri di appartenere allo stesso sangue di una donna così
casta e virtuosa. Rallegratevi, è persona di rara nobiltà nel sentire, cosa non troppo frequente fra le donne.
CORO
Il divino assume molti aspetti, inattese sono le risoluzioni dei celesti; certe cose si profilavano in un modo e si
concretano in un altro, l'impossibile diventa realtà per i numi: e questa vicenda si è proprio risolta così.